top of page

I Vini della Campania

Aggiornamento: 25 giu

La squisita cucina di Napoli e della Campania è rinomata tra molti visitatori, ma che dire del vino? Alcuni dei migliori vini d'Italia sono prodotti in questa regione, ma la maggior parte di essi rimane relativamente sconosciuta al di fuori dell'Italia. Se sei curioso di esplorare nuovi e interessanti sapori ma non sai da dove cominciare, questo articolo ti guiderà nella direzione giusta


Cominciamo con l'ovvio: è impossibile non innamorarsi dei panorami, dei profumi e dei sapori della regione Campania. La sua capitale, Napoli, è una straordinaria celebrazione di colori e sorprese. Destinazioni indimenticabili si trovano in tutta la regione, tra cui la Costiera Amalfitana, Capri, Sorrento, Salerno, Pompei, Caserta e molte altre.

Un fatto meno noto è la fama della Campania per i suoi eccellenti vini. Sei ansioso di esplorare qualcosa di diverso? È ora di stappare e iniziare il tuo viaggio nel mondo del vino!


Bere vino bianco in spiaggia a Napoli
Bere vino bianco in spiaggia a Napoli - foto: Unsplash

I Vini della Campania – Alcuni Fatti

Ogni anno, in Campania vengono prodotti oltre 165 milioni di litri di vino – il 60% rosso e il 40% bianco. La topografia della regione è altamente favorevole alla coltivazione della vite, e il terreno fertile ha trasformato l'intera area in una destinazione agricola molto ambita. I vini rossi della Campania sono caratterizzati dalla loro natura audace e intensa, spesso con caratteristiche corpose. I vini bianchi della Campania sono noti per le loro note minerali e floreali, tipicamente di eccellente qualità.

I quattro vini più rinomati della regione hanno ottenuto lo status DOCG, che garantisce metodi di produzione tradizionali e meticolosi:


Taurasi DOCG

Prodotto con uve Aglianico, il Taurasi DOCG è un vino impressionante e classico, corposo, complesso e con un alto potenziale di invecchiamento. Molti lo chiamano il "Barolo del Sud" per l'intensa esperienza ad ogni sorso. La topografia della zona gioca un ruolo cruciale in questa intensità: le uve Aglianico crescono a 400, 500 e anche 600 metri sul livello del mare, e il calcare e l'argilla che caratterizzano il terreno influenzano la struttura del vino.

Il Taurasi è prodotto nella regione dell'Irpinia, a circa 50 chilometri a sud di Napoli, ed è considerato allo stesso tempo un vino antico e moderno: antico perché documentato per la prima volta circa 2800 anni fa, durante il dominio greco della zona; moderno perché i processi di produzione attuali assicurano un prodotto sofisticato ed elegante, ricco di sapori fruttati e intensi, come ciliegie nere, prugne e bacche.


Secondo la legge, il vino Taurasi deve essere prodotto con almeno l'85% di uve Aglianico. Altre varietà di uve incluse sono uve rosse locali. L'invecchiamento dura almeno tre anni e, per il Taurasi Riserva, l'invecchiamento è ancora più lungo, almeno quattro anni, di cui 18 mesi in barriques di rovere.

Dove Provare il Vino Taurasi?

Uno dei luoghi più raccomandati e famosi per provare il vino Taurasi è la cantina Mastroberardino, che ha svolto un ruolo chiave nel far rivivere l'antico vino e produrlo utilizzando metodi moderni. Nel 1968, la cantina lo ha portato dall'oscurità al successo.


Greco di Tufo DOCG

Se non hai ancora avuto l'opportunità di assaggiare uno dei migliori vini bianchi d'Italia, è il momento di recuperare il tempo perso. Questo elegante vino minerale e secco, ricco di aromi, è prodotto con almeno l'85% di uve Greco di Tufo e il 15% di uve Coda di Volpe bianca. Questo è uno dei miei vini bianchi italiani preferiti e, se lo proverai, sono certo che diventerà anche uno dei tuoi preferiti. Uno dei suoi vantaggi è il complemento perfetto per piatti di pesce e frutti di mare. Immagina di sederti in un piccolo ristorante, affacciato sul Golfo di Napoli, gustando un piatto di pasta con salsa di frutti di mare mentre sorseggi un Greco di Tufo fresco. Che scena deliziosa!


Questo vino è prodotto nella provincia di Avellino e ha quattro versioni: Greco di Tufo, Greco di Tufo Riserva, Greco di Tufo Spumante (spumante significa "frizzante", prodotto utilizzando il metodo tradizionale champenoise in questo caso) e Greco di Tufo Spumante Riserva.

Le uve Greco di Tufo sono imparentate con un'altra varietà di uva comune nella zona, il Greco Bianco, introdotta nella regione migliaia di anni fa dall'antica Grecia. I vigneti prosperano ad altitudini di almeno 400 metri sul livello del mare. Grazie alle condizioni climatiche ideali, alle caratteristiche del terreno e alle notevoli escursioni termiche tra il giorno e la notte, questo vino presenta un profilo complesso e sorprendentemente delizioso di aromi e sapori.


Dove Provare l'Eccellente Vino Greco di Tufo?

Feudi di San Gregorio, una delle cantine più famose della Campania, offre il Greco di Tufo come uno dei suoi prodotti di punta.


Fiano di Avellino DOCG

Il vino Fiano è altrettanto rinomato quanto il Greco di Tufo ed è molto apprezzato per il suo sapore minerale ben equilibrato con invitanti aromi di fiori d'arancio, noci e mele. Anche il Fiano arrivò in Italia migliaia di anni fa. Durante il Medioevo, questo vino era considerato uno dei più lussuosi. I documenti storici del XII secolo indicano che era uno dei vini preferiti di Federico II, Sacro Romano Imperatore.


Anche il metodo di produzione di questo vino è regolamentato dalla legge. Secondo le normative, il vino deve essere composto da almeno l'85% di uve Fiano, con il restante 15% costituito da altre varietà di uve locali ammesse, tra cui Greco Bianco, Coda di Volpe bianca e Trebbiano Toscano.

Anche se prodotto in tutta la provincia di Avellino, il profilo e il sapore di questo vino variano indubbiamente in base alla specifica area di produzione all'interno della provincia. Ad esempio, i vini Fiano di Lapio sono noti per la loro struttura complessa, piacevoli note floreali e alta mineralità. Questa zona è ampiamente considerata una delle migliori. I vini Fiano di Montefredane sono celebrati per la loro qualità eccezionale, mentre i vini Fiano delle colline a est di Avellino sono riconosciuti per i loro robusti aromi di pasticceria tostata e nocciole.


Dove Provare l'Eccellente Fiano di Avellino?

La cantina Feudi di San Gregorio, menzionata nella sezione sul Greco di Tufo, eccelle anche nella produzione di eccellenti vini Fiano.


Aglianico del Taburno DOCG

L'Aglianico del Taburno ha ottenuto lo status DOCG, diventando il quarto vino della Campania a farlo. Altri vini della regione possono avere la designazione DOC o IGP, o non avere classificazione formale. Questo vino rosso non scherza: rinomato per la sua intensità, pesantezza e dominanza, vanta aromi e sapori di ciliegie, liquirizia, inchiostro e prugne nere.


Dove Provare l'Eccellente Aglianico del Taburno?

Prova la Cantina del Taburno, rinomata per la sua competenza nella produzione di questo vino tradizionale dal 1972.


Falanghina del Sannio DOC

Nonostante non abbia lo status DOCG, la Falanghina del Sannio rimane uno dei vini bianchi più conosciuti della regione Campania, ottenendo numerosi premi. Per legge, questo vino deve contenere almeno l'85% di uve aromatiche Falanghina. I vini Falanghina vengono in vari tipi, categorizzati per area di produzione e stile, come la Falanghina normale, Falanghina vendemmia tardiva, Falanghina spumante, Falanghina spumante metodo classico e altro. La qualità può variare, quindi è consigliabile cercare cantine rinomate che eccellano nella produzione di questo vino secco e floreale.


Dove Provare l'Eccellente Falanghina del Sannio?

Prova la cantina Fontanavecchia, rinomata per la sua eccellenza nella regione.


Falerno del Massico DOC

Un vino piacevole e godibile, il Falerno è prodotto anche con uve Falanghina. Questo vino allegro cattura eloquentemente la piacevole dolcezza delle uve Falanghina, rendendolo ideale per i mesi estivi torridi. Originario della provincia di Caserta, il Falerno offre tre varianti distinte: Falerno bianco, prodotto principalmente con almeno l'85% di uve Falanghina; Falerno rosso, composto da almeno il 60% di uve Aglianico e fino al 40% di uve Piedirosso; e Falerno Primitivo, prodotto esclusivamente con uve Primitivo.


Dove Provare l'Eccellente Vino Falerno?

Prova i meravigliosi vini di Villa Matilde.


Ischia DOC

Come previsto da un'isola ricca di terre vulcaniche, Ischia vanta vini bianchi di altissima qualità. Purtroppo, rimane quasi sconosciuto! Ischia ha una tradizione di produzione vinicola che risale a 2700 anni fa. In epoca romana, l'isola era conosciuta come Enaria, che significa "la terra dei vini". Il clima dell'isola, la brezza marina e il terreno contribuiscono a una vasta gamma di aromi invitanti nei suoi vini. Ischia DOC offre non meno di sette sottocategorie, comprendendo sia vini rossi che bianchi. La varietà più apprezzata e rinomata tra i vini Ischia DOC è il vino bianco ottenuto da uve Biancolella e Forastera, coltivate sulle pendici del Monte Epomeo.


Dove Provare l'Eccellente Ischia DOC?

Prova i meravigliosi vini della cantina Cenatiempo.


Lacryma Christi del Vesuvio DOC

In linea con la tradizione italiana, questo vino è accompagnato da una leggenda drammatica. Secondo questa, quando il diavolo scese negli inferi, rubò un pezzo di paradiso – una parte del Golfo di Napoli. Vedendo il furto del diavolo, Gesù versò una lacrima, da cui si dice siano nate le viti utilizzate per produrre il vino Lacryma. Anche se alcuni agronomi possono mettere in dubbio questa storia, non soffermiamoci sui dettagli minori!


Le uve Caprettone, utilizzate per produrre il Lacryma Christi bianco, e Piedirosso, utilizzate per produrre il Lacryma Christi rosso, furono entrambe introdotte nella regione dai Greci nel V secolo a.C. La coltivazione della vite nella regione risale ai tempi dell'antica Roma.

Durante il Medioevo, i monaci che fondarono grandi monasteri nella zona perpetuarono la tradizione agricola piantando viti in modo estensivo. Ancora oggi, il paesaggio agricolo rimane in gran parte invariato, con il terreno fertile e ricco di umidità dell'area vesuviana che continua a sostenere pratiche agricole fiorenti.


Dove Provare l'Eccellente Lacryma Christi?

Prova i vini di alta qualità di Casa Setaro.




1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


-

Vini

-

Abbinamenti

-

Uva

-

Regioni

-

Olio d'oliva

-

Unisciti a noi

bottom of page